InterMed Onlus racconta il suo viaggio in India..

Share Button

Visitiamo tre centri per disabili prima di giungere all’Istituto “Fr. Tezza Special School for mentally challenged” nella Diocesi di Mananthavady, in Kerala.

Il sole è già tramontato da alcune ore e, fra le luci dell’ingresso, scorgiamo subito due lunghe file di bambini che attendono il nostro arrivo. Sono i 60 bambini che soggiornano nella scuola per giovani con disabilità Fr. Tezza anche durante la notte. Gli altri 70, che ogni sera fanno ritorno alle loro case, hanno già lasciato l’Istituto: li incontreremo domani. Alcuni dei bambini che ci stanno aspettando indossano una divisa molto colorata e la giacca del gruppo bandistico della scuola. Ognuno di loro ha il proprio strumento musicale. Scoppia un boato quando percorriamo il corridoio di bambini creato per il nostro passaggio. Tutti cantano e battono le mani festanti per il nostro arrivo, qualcuno in piedi, qualcuno su una sedia a rotelle, qualcuno sorretto da stampelle o da un compagno: un’accoglienza meravigliosa e inaspettata, dopo il lungo viaggio attraverso la foresta che ci ha messo alla prova per l’intera giornata.

L’Istituto, fondato nel 1872, ospita 130 bambini con disabilità fisiche e psichiche. Gli studenti sono suddivisi in classi in base all’età, alle differenti capacità cognitive e alla gravità delle patologie fisiche. Ogni giorno i bambini si ritrovano, prima di iniziare le lezioni, per alcuni minuti di ginnastica. Tutti partecipano, nessuno escluso, è il loro buongiorno, il loro primo momento di condivisione giornaliero. Una volta terminata la ginnastica, iniziano le attività scolastiche: calcolo, lingua inglese, storia, danza terapia, musica terapia, lavori manuali col legno e le ore di informatica. Suor Bincy, direttrice dell’Istituto, mostra con orgoglio i numerosi premi vinti dai ragazzi per la danza e il canto nei concorsi con le altre 70 scuole del Paese per studenti con disabilità.

Il lavoro, però, non finisce qui: nel terreno che circonda l’Istituto, le suore coltivano frutta e verdura, allevano animali e tagliano la legna necessaria per le cucine ed il riscaldamento.

Siamo senza parole, come molte altre volte è capitato, di fronte a ciò che questo Istituto è riuscito a realizzare in un contesto tanto complesso e difficoltoso. E come molte altre volte è capitato, ci chiediamo se forse la serenità non sia tutta qui…

Sorprendono, infatti, l’entusiasmo e l’energia con cui i bambini vivono, imparano e sorridono: le disabilità si fanno piccole, quasi insignificanti, normali. La sensazione è quella di sentirsi in uno strano paese dei balocchi dove, in realtà, nulla è normale, ma tutto lo diventa. Si percepisce solo armonia e ordine, benessere e quotidianità.

E diffondere la possibilità di tale armonia è proprio ciò che guida Intermed in questo progetto e nel mondo.