Ecco come Green Cross Italia Ong – Onlus sta provando a cambiare il futuro di tante famiglie in Senegal..

Share Button

Siamo andati in Senegal per la prima volta sei anni fa. Abbiamo scelto di intervenire nelle zone più povere di questo Paese caldo e accogliente, perché qui a Matam, al confine con la Mauritania, la ricchezza del grande fiume Senegal non si traduce in ricchezza delle terre. Qui i campi una volta fertili stanno cedendo il passo al deserto, gli uomini emigrano sfidando la sorte, chi resta fa i conti con la povertà e la fame.

Abbiamo capito che bisognava invertire la tendenza. Bisognava bloccare lo spopolamento, aiutare le donne a sostenere la famiglia, spiegare a chi progettava di partire che al di là del confine non c’era l’Eldorado ma l’inferno e in molti casi la morte. Abbiamo aiutato Amina, che può finalmente mandare i suoi bambini a scuola: con noi ha imparato la rotazione delle colture e la sua terra è diventata più produttiva. E i figli di Aisha, che ora non devono più raccogliere l’acqua per annaffiare: sul suo campo abbiamo installato pannelli fotovoltaici che alimentano le pompe per il sistema di irrigazione goccia a goccia. Abbiamo aiutato e sostenuto interi villaggi, intere comunità.

Ma quello che abbiano fatto finora non basta. Dobbiamo rimboccarci le maniche, fare di più e meglio. Per questo chiediamo il vostro aiuto, il vostro dono. In Senegal stiamo provando a cambiare il futuro di tante famiglie, incrementando produzione e reddito dei piccoli coltivatori, per la maggior parte donne, mamme precoci e lavoratrici instancabili che combattono da decenni contro fame e carestie, siccità e avversità. I nostri progetti di cooperazione allo sviluppo non si limitano a questo. Nelle scuole di Ghana, Costa D’Avorio, Bolivia, Argentina e Messico installiamo pannelli fotovoltaici per portare l’elettricità, realizziamo pozzi e cisterne di raccolta della pioggia per portare l’acqua potabile, costruiamo servizi igienici.

Lavorare sui temi della migrazione per noi significa questo: incentivare lo sviluppo certamente, ma con il vincolo che sia sostenibile, equo, rispettoso e compatibile con l’ambiente. Per noi di Green Cross non vanno costruiti muri e barriere ma ponti e reti, non bisogna diffondere pregiudizi, risentimento e odio ma cultura, conoscenza e accoglienza.

Siamo nati vent’anni fa da una costola dell’associazione internazionale fondata da Michail Gorbaciov e in questi due decenni ci siamo battuti dalla parte dei più deboli e degli indifesi, per la protezione delle risorse naturali, per la tutela dell’ambiente. Al nostro fianco abbiamo trovato personalità del mondo della politica, dell’ambientalismo, della cultura, della scienza, dell’impegno sociale, e migliaia di cittadini. Oggi cerchiamo nuovi alleati. Chiediamo a voi di schierarvi dalla nostra parte, di sostenerci nelle nostre battaglie e per rafforzare le nostre azioni.

Elio Pacilio