Sofia e il braccialetto viola

Share Button

Ogni onlus ha le sue storie, anche Sale In Zucca che oggi condivide con noi la pagina di diario di una ludoterapista nel reparto di neurochirurgia infantile Pol. A. Gemelli-Roma.

Sofia ed io abbiamo lo stesso braccialetto, io blu e lei viola, come il colore della sua stanza.

sale in zucca onlus 3

E’ sempre uno stravolgimento di programmi questo lavoro. Arrivi carica di cartone, riso e bastoncini progettando un intervento musicale con tanto di costruzione di bastone della pioggia, poi succede qualcosa.

Il braccialetto è viola come la cameretta di Sofia in Ucraina e allora decidiamo di disegnarla.

In un primo momento Sofia non ricorda bene come sia, «non la vedo da tanto» mi dice «allora prova a chiudere gli occhi» rispondo. Mi guarda, chiude gli occhi, si fa seria, poi sorride. Il ricordo è arrivato. Nel frattempo arriva anche la mamma e si siede con noi.

La mia collega per ora non si inserisce, riconosce che s’è creato un piccolo equilibrio. E’ seduta un po’ distante da noi e inizia a suonare la chitarra.

Sofia sceglie tra i viola il più adatto, provandoli uno ad uno su un foglio a parte. Ogni tanto chiede aiuto alla mamma, non ricorda bene, ma lei la incoraggia a scegliere da sola, con dolcezza. E così inizia a disegnare.

sale in zucca onlus 1

Quanti particolari! I disegni sui tappeti, la zanzariera alla finestra con tanto di zanzare imprigionate, la luna e le stelle attaccate alla parete che di notte si illuminano; le decorazioni intorno al letto e la lampada da notte con le principesse che quando è accesa hanno gli occhi aperti e quando è spenta chiusi. Chiusi come gli occhi blu di Sofia che nel disegno dorme nel suo letto.

La mia collega si avvicina, Sofia racconta il suo disegno e continua ad aggiungere dettagli, questa volta abbozzandoli, mentre la mamma crea per lei fiori con nastri colorati e porporina. Ho l’impressione che il modo di disegnare evolva di pari passo con la confidenza. Più giochiamo assieme, meno precisi sono i particolari che aggiunge al disegno e più si apre al dialogo. A scuola in Ucraina aveva un maestro di musica molto severo, ma le manca lo stesso, perché con i compagni cantava una canzone sui girasoli.

«Ce la vuoi insegnare?». Si vergogna ma, nascosta dietro la mamma, chiude gli occhi e fa finta che non ci sia nessuno.

Arriva l’infermiera in sala giochi. Sofia deve scendere per la TAC.

Ci saluta dicendo che quando era a casa sua aveva paura del buio, ma in ospedale no, perché di notte in camera con lei ci sono la sua mamma e Andrea il suo compagnone di stanza di quindici anni.

Se desideri conoscere la Onlus Sale in Zucca e le loro attività visita il sito www.saleinzuccaonlus.it